Un’ostetrica a domicilio per ogni fase della vita

Un’ostetrica a domicilio per ogni fase della vita

Perché è importante la figura dell’ostetrica a domicilio? Questa volta lo voglio ricordare attraverso l’intervento di Elisabetta Muzzarelli, professionista che opera tra Mantova e provincia, ostetrica per passione e sempre pronta a sostenere le donne.

Elisabetta Muzzarelli Mantova consulenza ostetrica a domicilio studio Grisolia

In più di una occasione ho messo a disposizione questo spazio online per dare voce a professioniste che quotidianamente, in diversi settori, supportano donne e mamme. Se poi parliamo di ostetriche, chi mi segue da tempo sa quanto a mia volta sia impegnata nel dare risalto al loro ruolo, spesso sottovalutato e invece fondamentale in ogni fase della vita.

Elisabetta Muzzarelli si è laureata nel novembre 2018 da subito sapeva che avrebbe voluto intraprendere il percorso della libera professione. Con la volontà di instaurare relazioni con le pazienti e non essere solo di passaggio. Un desiderio che ha reso realtà. Oggi lavora nello studio del ginecologo dottor Gianpaolo Grisolia – punto di riferimento fondamentale e salvezza per tantissime mamme – e lavora a domicilio rendendosi disponibile per diversi tipi di consulenze.

Elisabetta Muzzarelli Mantova consulenza ostetrica a domicilio studio Grisolia

Elisabetta Muzzarelli

Qui di seguito puoi leggere l’intervista che sono davvero contenta di averle fatto.

Il suo contatto: elisabettamuzzarelli@gmail.com

Ostetrica per passione

Mi piace pensarmi ostetrica per passione, perché più studio e pratico e più lo farei. Quando lavoro il tempo assume un’altra dimensione e le energie anche: per esempio durante i corsi alla sera tardi o quando mi ritrovo a stare ore a casa di una donna, anche se ci arrivo stanca è come se l’ostetricia mi attivasse, mi dà una carica incredibile. E poi imparo tantissimo da ogni donna, ogni incontro è per me davvero arricchente come ostetrica e come donna.

Elisabetta Muzzarelli Mantova consulenza ostetrica a domicilio studio Grisolia

Penso di essere nata ostetrica, dico sempre che non potrei e non vorrei fare altro nella vita. Quando è stato il momento di scegliere la facoltà universitaria, io non avevo ben chiaro volessi “fare da grande”. Mi ha sempre affascinato l’ambito sanitario e la cura della persona, ma non sapevo nemmeno di preciso cosa facesse l’ostetrica (i bambini nascono anche da soli) quindi forse una professione sanitaria valeva l’altra. Però mi piacciono i bambini piccoli da sempre, perciò ho fatto il test solo per ostetricia. In realtà ho capito di essere sulla via giusta dopo aver iniziato a frequentare.

Avevo proprio quella sensazione che il mio istinto mi avesse portato esattamente dove dovevo essere. Direi che è l’ostetricia ad avermi scelta.  

Una donna tra le donne

Io adoro le donne! Stare con loro, osservarle, condividere, imparare. E adoro l’amore, la cura che ruota intorno a tutto ciò che fanno le donne. Fin dall’inizio ho puntato alla libera professione, principalmente per avere il tempo di godermi la relazione con le donne/famiglie che seguo e per operare secondo scienza, coscienza e il mio credo. Penso che la libera ti permetta di esprimerti di più nell’assistenza e di cucirla su misura per quella donna e il suo mondo.

Elisabetta Muzzarelli Mantova consulenza ostetrica a domicilio studio Grisolia

Le visite a domicilio

Lavoro principalmente a domicilio, offrendo consulenze per favorire il benessere in gravidanza ed in preparazione alla nascita, in puerperio, in particolare in allattamento. Ultimamente sto approfondendo la salute mestruale, per aiutare le donne a vivere al meglio la loro ciclicità (che reputo essere una grande fortuna tutta al femminile), anche in ottica di sostenibilità per il pianeta. 

Altro tema che mi sta a cuore e riguarda tutte le donne è la salute pelvica, che tratto sia in gruppo come prevenzione e sia individualmente con valutazione e riabilitazione. Sempre in gruppo propongo anche incontri di accompagnamento alla nascita, informativi sulla menopausa e di massaggio infantile, di movimento in gravidanza e dopo parto.

Elisabetta Muzzarelli Mantova consulenza ostetrica a domicilio studio Grisolia

Quando contattare una ostetrica

In tutte le fasi della vita, soprattutto nella società della medicalizzazione, del tutto e subito, del sintomo e dell’essere connessi online ma sconnessi nel corpo, per me avere un’ostetrica accanto significa recuperare la fisiologia, la consapevolezza ed il contatto con la nostra natura. 

Il sogno nel cassetto

Il mio sogno è poter realizzare, un giorno, una casa di cura della donna con altri professionisti, per poter prendere in carico la donna in tutte le fasi della vita.

Ringrazio Elisabetta Muzzarelli per il prezioso contributo a questo articolo.

“Mamma…e adesso?”. Scrivimi per raccontare la tua esperienza.

Elena Caracciolo giornalista ufficio stampa consulente comunicazione gestione social e siti Mantova Elena Caracciolo – Sono giornalista pubblicista, freelance, mi occupo di comunicazione ed uffici stampa per privati, enti pubblici, aziende e associazioni di volontariato, dalla consulenza alla strategia, gestisco siti web e social e sono ideatrice di progetti rivolti a donne e mamme.

Clicca QUI per sapere cosa posso fare per te!

Antonio Manzini è lo scrittore di cui abbiamo bisogno

Antonio Manzini è lo scrittore di cui abbiamo bisogno

Cosa ci fanno Antonio Manzini e Rocco Schiavone in un blog interamente dedicato a temi e volti femminili?

E già qui me lo immagino il vicequestore che mi risponde un bel “e sticazzi!”.

Lo dichiaro subito: questa non è una recensione del suo ultimo libro “Le ossa parlano”. Anzi, di nessun suo libro. Non scrivo recensioni e non ho la pretesa di farlo. Ciò che però faccio nella vita, che sia dalle pagine di un quotidiano, da questo spazio virtuale o tra le righe di qualche taccuino è raccontare scorci di vita e di mondo. Miei, altrui, su richiesta, per semplice lavoro, per pura passione, poco importa.

Antonio Manzini scrittore Rocco Schiavone

Potrà suonare bizzarro, azzardato, a qualcuno senza dubbio di scarso o nullo interesse, ma questa volta voglio raccontare del perché Antonio Manzini ed il suo Rocco Schiavone mi abbiano davvero salvata da quello sconvolgimento totale che la maternità provoca.

Lo so, nell’immaginario collettivo una donna che sta per diventare o è appena diventata mamma preferisce libri su gravidanza, genitorialità e cose così, da cui imparare qualcosa e trarre talvolta sicurezza. Per me invece il salvagente sono stati proprio quei libri. Che ho letto e riletto. Colmi di umanità ruvide, crude, dannatamente reali che hanno la stessa forza di un amico che ti regala un sano e affettuoso scossone quando serve.

Rocco Schiavone mi ha tenuta ben ancorata al suolo.

Antonio Manzini scrittore Rocco Schiavone

È incredibile la crescita che il mio vicequestore preferito ha compiuto parola dopo parola. Un’evoluzione che ha coinvolto ogni altro personaggio. E sai chi altro? Il lettore.

Sì, perché leggere Manzini ti spinge ad una violenta e necessaria analisi interiore. Che tu lo voglia o no, quando arrivi all’ultima pagina non sei più la stessa persona che si è trovata per la prima volta davanti alla copertina. Hai dovuto fare i conti con quei lati interiori e più grigi da cui spesso si prova a fuggire. Come quando stai guardando quel film che ad un certo punto ti fa socchiudere gli occhi o voltare leggermente la faccia per non vedere fino in fondo una scena che ti disturba.

Antonio Manzini ti mette davanti alla verità che c’è là fuori nel mondo ed anche dentro di te. Una verità di cui oggi più che mai serve ricordare, inondati come siamo da immagini artefatte provenienti da social, pubblicità, influencer. Frammenti di vita filtrata che esistono solo dentro lo schermo.

Manzini compie un lavoro importantissimo. E lo fa dando vita a personaggi che ti trovi in grado di comprendere, di coccolare, per un solidissimo motivo: sono esseri umani esattamente come te. Sbagliano, mentono, peccano di egoismo, si innamorano, nascondono scheletri dentro l’armadio, seguono i propri valori ed ideali, sono spesso infelici e non fingono il contrario.

Antonio Manzini scrittore Rocco Schiavone

Il taglio narrativo di Antonio Manzini non ha mai perso freschezza e ironia con il passare del tempo. Così come la figura di Rocco Schiavone. L’autore, come fanno molti altri giallisti, riesce a disegnare la personalità del protagonista inserendo i temi caldi dell’attualità, senza nasconderne lo sdegno. Il tutto raccontando alla perfezione Aosta, senza abbellirne il quadro. Una cittàchiusa e provinciale, con montagne meravigliose e allo stesso tempominacciose e la neve bella solo se poi vai a sciare.

Manzini ti tiene con i piedi per terra più di quanto riesca a fare la forza di gravità. Un salvifico rifugio per quei momenti della vita in cui qualche stravolgimento ti fa perdere i tuoi punti fermi e solo una bella immersione nella realtà può farti ritrovare l’orientamento.

Ringrazio Antonio Manzini per essere lo scrittore che è e di cui tutti abbiamo decisamente bisogno. Spero di poterlo rivedere – e riascoltare – prestissimo nella mia Mantova.

 

Elena Caracciolo giornalista ufficio stampa consulente comunicazione gestione social e siti Mantova Elena Caracciolo – Sono giornalista pubblicista, freelance, mi occupo di comunicazione ed uffici stampa per privati, enti pubblici, aziende e associazioni di volontariato, dalla consulenza alla strategia, gestisco siti web e social e sono ideatrice di progetti rivolti a donne e mamme.

Clicca QUI per sapere cosa posso fare per te!

 
Perché visitare il Children’s Museum di Verona: attività, orari, prezzi

Perché visitare il Children’s Museum di Verona: attività, orari, prezzi

Il Children’s Museum di Verona è stata una recente piacevolissima scoperta.

A chi mi chiede “vale la pena andarci?’” rispondo “certo che sì! Anzi, è davvero un luogo da non perdere”.

Consigli utili per la visita

Subito una nota: al museo si entra scalzi, quindi per i bimbi ricordarsi di portare delle calze antiscivolo. Anche gli adulti entrano senza scarpe e non vengono forniti calzari, quindi se si vuole ci si può portare un paio di calze in più, in base alla propria comodità. Il museo è comunque tutto veramente pulito!

Children's Museum Verona museo dei bimbi cosa vedere

Personalmente non conoscevo questa realtà per bimbi 0-12 anni ed ho saputo della sua esistenza solo poche settimane fa, quando un’amica mi ha raccontato di averci portato i propri figli. Da Mantova a Verona la distanza non è molta. Il prolungarsi dell’inverno Padano richiede inoltre di escogitare sempre qualche nuova attività anche al chiuso ed in sicurezza per i bimbi, così ho voluto organizzare una visita.

A chi sceglie di programmare la gita nel weekend, offro subito il seguente suggerimento: meglio prenotare con circa una settimana di anticipo. Il rischio è altrimenti quello di trovare il tutto esaurito. Proprio come è successo a me le prime due volte in cui avevo provato a prenotare. Alla terza ho capito e ho fatto in modo di ricordarmene una settimana per l’altra.

Children's Museum Verona museo dei bimbi cosa vedere

Non volevo prenotare con troppo anticipo, perché con i bimbi piccoli l’imprevisto è sempre dietro l’angolo, ma in caso di rinuncia all’ultimo momento è possibile disdire la prenotazione con qualche ora di anticipo (è sufficiente inviare una mail). Il biglietto potrà essere utilizzato entro il mese successivo.

Su questo punto non mi dilungo oltre qui, in fondo all’articolo trovi tutte le informazioni su costi ed orari!

La mia esperienza

Siamo arrivati verso le 9.30 (l’apertura è alle 9.15) e con il turno prenotato è stato possibile restare fino alle 11. Un tempo di permanenza perfetto per i bimbi, soprattutto per i più piccoli. Gli stimoli sono davvero tantissimi e restare più a lungo potrebbe portare ad un sovraccarico di imput.

Dopo essere passati dalla biglietteria per il controllo dei ticket, si può raggiungere l’ingresso. Si viene accolti dal personale, davvero gentile, che spiega qualche regola e illustra le attività. Tra le regole del museo c’è il divieto di mangiare o bere all’interno, ma niente paura: è possibile spostarsi nel corridoio e negli spazi dedicati ed è tutto molto vicino. Sono anche presenti dei distributori automatici.

Children's Museum Verona museo dei bimbi cosa vedere

Una volta dentro al museo mia figlia (ha quasi due anni e mezzo) si è davvero divertita ed entusiasmata a sperimentare ogni attività che si è trovata davanti. All’inizio con la mano di mamma o papà, ma dopo poco anche da sola in autonomia.

Devo dire che anche per gli adulti ogni gioco è interessante e fonte di ispirazione e riflessione. Nulla sembra essere lasciato al caso!

Un altro punto di forza sono i servizi igienici dedicati ai piccoli: bagni completamente a misura di bimbo, direi parte integrante delle attività che il museo offre. Appena li ha visti, mia figlia ha subito voluto provare a fare la pipì da sola, nonostante non abbia ancora tolto del tutto il pannolino.

Una volta terminato l’orario di visita del turno di cui si fa parte, l’avviso di prepararsi ad uscire viene dato da due campanelle. La prima invita a cominciare a mettere a posto i giochi tutti insieme, mentre la seconda che è il momento di abbandonare l’area.

Children's Museum Verona museo dei bimbi cosa vedere

A fine visita ci sono stati dati in omaggio dei comodissimi – e ahimé ormai essenziali – gel disinfettanti per le mani.

Infine è stato lasciato il tempo per vestirsi (ci sono degli armadietti con anche la possibilità di essere chiusi a chiave) senza alcuna fretta.

E’ stata una bellissima scoperta, opportunità di svago e apprendimento e sicuramente torneremo al Children’s Museum.

Il Museo

Children's Museum Verona museo dei bimbi cosa vedere

Nota: le descrizioni qui sotto sono in parte prese direttamente dal sito ufficiale consultabile QUI

Il museo dei bimbi di Verona è composto da un’area principale con attività esperienziali, la zona Museum e da una zona laboratoriale,

Il museo è diviso in molteplici zone, ognuna delle quali affronta un diverso argomento (acqua, luce, meccanica, suono, logica, corpo umano), che si approfondisce solo attraverso esperimenti ed esperienze dirette. Per stimolare al meglio l’apprendimento informale, la prima cosa da fare, come a casa, sarà togliersi le scarpe. Lo spazio è ricco di Exhibit interattivi, tavoli per costruzioni, installazioni meccaniche e digitali ad alto contenuto scientifico da provare in libertà, senza seguire un percorso prestabilito.
Uno spazio dove poter sperimentare con i sensi, in cui ogni fascia d’età, 0-3, 4-6, 7-9 e 10-12 anni trova il suo spazio e può curiosare e scoprire.

La Sfera del CMV

Una sfera arancione (la vedi nella foto di copertina dell’articolo) del diametro di 3 metri e di 6 metri di altezza invia e fa viaggiare in tutto il museo oltre 150.000 palline attraverso 300 metri di binari. Le palline ricordano le merci che a inizio ‘900 viaggiavano in continuazione all’interno degli Ex Magazzini Generali di Verona, dove sorge il museo.

Le attività

Playground dell’Immaginazione

Children's Museum Verona museo dei bimbi cosa vedere

I grandi ‘Big Blue Blocks’ della designer Cas Holman composti da materiale morbido e durevole, permettono ai bambini di costruire ogni volta un nuovo mondo, esplorando le infinite possibilità di luoghi immaginari.

Uno spazio che incoraggia i bambini a giocare insieme, stimola il movimento e soprattutto il divertimento: si possono creare animali, navi, razzi, robot, case, fabbriche, città astratte e tutto ciò che la fantasia suggerisce!

Zona 0-3

Children's Museum Verona museo dei bimbi cosa vedere

Una zona ad hoc per i nostri visitatori più piccoli. Si ispira al modello Montessori e all’esperienza educativa dei nidi e delle scuole dell’infanzia di Reggio Emilia, con elementi sensoriali visivi, fatti di cromatismi, e tattili composti da materiali di varie consistenze. È presente anche uno spazio dedicato alla lettura per incentivare la pre-lettura e il pre-grafismo.

Mungi la Mucca

Children's Museum Verona museo dei bimbi cosa vedere

Un’attività ludico-didattica unica e divertentissima: mungere una mucca di dimensioni reali! Per prima cosa i bambini dovranno vestirsi da veri allevatori con grembiule e cappello!

Interpretare le situazioni quotidiane degli adulti è il mezzo con il quale il bambino esplora la realtà e la sua creatività. Il gioco aiuta a: stimolare il coordinamento oculo-motore dei più piccoli; comprendere il processo che va dalla mungitura del latte alla preparazione del formaggio.

Muro D’Aria

Un gigantesco muro dove, grazie ai principi della pneumatica, grandi e piccini possono provare a inviare le palline in tutto il museo. Grazie ad un meccanismo di manopole direzionali è possibile decidere il percorso delle palline all’interno del sistema di tubi che compone il “muro d’aria”. Questa installazione unisce scienza e movimento: con classi o gruppi è possibile organizzare giochi e sfide a squadre sul tema della gravità.

Galleria di Luce

Children's Museum Verona museo dei bimbi cosa vedere

La zona di passaggio tra la mostra temporanea e la Fun Zone è costituita da un grande tunnel di luce. Grazie a tele di tessuto elastico ci si può addentrare in una “foresta incantata” dove ogni passo è illuminato da un pavimento speciale che si ‘accende’ e cambia colore a seconda della pressione esercitata su di esso.

La curiosità spinge a vincere la paura di percorrere un luogo buio e sconosciuto che conduce…alla piscina di palline!

Fun Zone

Children's Museum Verona museo dei bimbi cosa vedere

Una piscina di palline in un museo? Al Children’s Museum si impara anche così, tuffandosi in un mare di palline arancioni!

La piscina è per tutti, bambini, bambine e adulti, che possono “navigare” il mare arancione per inviare messaggi con la posta pneumatica o sfidare l’equilibrio camminando in superficie con l’aiuto di speciali ciaspole. In questa zona il divertimento è assicurato!

Water Zone

Children's Museum Verona museo dei bimbi cosa vedere

16 metri di vasche con oltre 40 attività dedicate all’elemento fondamentale per la vita: l’acqua. Qui bambini e bambine prima di entrare devono indossare stivaletti e impermeabile come vedi nell’ultima foto (messi a disposizione dal museo), per proteggersi dagli schizzi d’acqua.
Tantissime sono le esperienze da provare in prima persona: vortici, equilibri, vasi comunicanti, suoni azionati dall’acqua e molto altro ancora per comprendere le leggi della fisica.

Stanza della Luce

Children's Museum Verona museo dei bimbi cosa vedere

Come viaggia la luce? Da cosa è composta? Ha componenti visibili? Com’è fatta un’ombra? Tutte queste domande trovano risposta in questa sensory room dove gioco e scienza si mescolano per stimolare i 5 sensi. Si imparano conoscere i segreti della luce, della rifrazione e della riflessione, si può “fotografare” la propria ombra, scrivere con la luce, inventare storie con il teatro delle ombre e sperimentare tanto altro!

Prezzi e Orari

IL BIGLIETTO INCLUDE la visita al Museo della durata prestabilita di 1 ora e 45 minuti.

Children's Museum Verona museo dei bimbi cosa vedere

Tutte le attività sono accessibili a persone con disabilità che potranno acquistare il loro biglietto d’ingresso in base alla categoria di appartenenza (bambino), mentre l’ingresso è gratuito per un solo adulto accompagnatore.

E’ possibile visitare il museo nelle giornate di:
venerdì in due turni
I turno: 14.30 – 16.15
II turno: 17.15 – 19.00

sabato e domenica secondo i turni dalle ore 09.15 alle ore 19.00:
I turno: 09.15 – 11.00 (significa che si può entrare a partire dalle 9.15 ma in ogni caso uscire entro le 11)
II turno: 11.45 – 13.30
III turno: 14.30 – 16.15
IV turno: 17.15 – 19.00

Maggiori informazioni sono consultabili QUI

QUI puoi leggere l’articolo su un altro luogo perfetto per bimbi e famiglie: Parco Sigurtà

QUI puoi leggere l’articolo sul Parco Natura Viva

Spero di averti dato dei buoni suggerimenti per trascorrere qualche ora di svago ed apprendimento insieme al tuo bimbo!

“Mamma…e adesso?”. Scrivimi per raccontare la tua esperienza. 

Elena Caracciolo giornalista ufficio stampa consulente comunicazione gestione social e siti Mantova Elena Caracciolo – Sono giornalista pubblicista, freelance, mi occupo di comunicazione ed uffici stampa per privati, enti pubblici, aziende e associazioni di volontariato, dalla consulenza alla strategia, gestisco siti web e social e sono ideatrice di progetti rivolti a donne e mamme. 

Clicca QUI per sapere cosa posso fare per te!

Aperte le pre-iscrizioni alla 4° edizione degli incontri per mamme e future mamme

Aperte le pre-iscrizioni alla 4° edizione degli incontri per mamme e future mamme

Se sei incinta o sei una mamma e almeno una volta ti è capitato di sentirti sola e in difficoltà nell’esprimere il tuo stato d’animo, ed hai il desiderio di confrontarti con altre mamme e avere strumenti di conoscenza in più, sei nel posto giusto.

Ho un obiettivo preciso: fare in modo che le mamme con cui entro in contatto non si sentano mai sbagliate e rendere sempre più forte la rete di supporto, aiuto e informazione “Mamma… E adesso?”.

iniziativa incontri di supporto mamme mantova

La quarta edizione degli incontri

Clicca subito QUI per prenotarti o scrivimi QUI per qualsiasi informazione.

Nel 2022 è in programma la quarta edizione di “Mamma… E adesso? Non sei sola!”. Incontri rivolti a mamme e future mamme – online e completamente gratuiti – in cui, insieme ad altre professioniste, si affronteranno diversi temi su queste fasi così delicati della vita.

Saranno però soprattutto dei momenti informali, in un clima empatico e di amicizia, in cui potersi esprimere senza alcun timore di giudizio, confrontarsi, confidarsi.

Non a caso tutte le professioniste che scelgo per collaborare con me a queste iniziative sono anche mamme, che non saliranno in cattedra, ma si racconteranno insieme al resto del gruppo, mettendo a disposizione le loro competenze.

Qui puoi leggere qualche informazione sull’edizione numero 3.

Perché preiscriversi

Ho voluto introdurre la preiscrizione per poter avere una idea precisa di quali argomenti interessino a chi vorrà partecipare e realizzare degli incontri su misura, in base alle esigenze che emergeranno.

La preiscrizione ti consentirà inoltre di avere garantito il tuo posto.

Durante le scorse edizioni è purtroppo capitato di dover rifiutare qualche richiesta di iscrizione dell’ultimo minuto, con mio grande dispiacere, perché so quanto incontri come questi possano essere una boccata di ossigeno.

Questo perché i posti sono solo 10 e un numero più alto di partecipanti non consentirebbe a tutte di poter intervenire, raccontarsi e fare domande o condividere riflessioni con i propri tempi.

iniziativa incontri di supporto mamme mantova

Come preiscriversi

Per farlo bastano pochi secondi. È sufficiente cliccare QUI e compilare il breve modulo di richiesta contatti. Senza dimenticare di indicare il tuo argomento di interesse!

La preiscrizione non è vincolante alla partecipazione.

Quando e come è in programma l’edizione 2022

Il periodo individuato è febbraio.

Gli incontri saranno online, per garantire sicurezza (non so come sarà la situazione Covid nei prossimi mesi) ed in modo che tu possa collegarti da dove vorrai e in qualunque momento, senza dover raggiungere un luogo (per chi ha un bimbo neonato non è sempre l’ideale avere obblighi di orari da rispettare e organizzare tragitti, anche brevi, in ogni momento).

Gli appuntamenti saranno il lunedì mattina e dureranno circa un’ora e mezza.

Ti comunicherò più avanti le date!

iniziativa incontri di supporto mamme mantova

Come è nato lo spazio di informazione, supporto e aiuto per le mamme

Tutto è partito a fine estate 2019, quando ero incinta e ho voluto fare in modo che quella manciata di delusioni e mortificazioni provate “a causa” della mia gravidanza avesse un senso.

Di solito provo a trasformare in positivo ciò che mi accade di negativo…

È da lì che ho deciso di creare il progetto “Mamma… E adesso?”. Uno spazio online e fisico, che man mano è cresciuto sempre di più, di informazioneconfrontosupporto per donne, mamme, famiglie. Spazio aperto a tutti in cui affrontare le principali tematiche relative alla gravidanza, alla vita da neo mamma, all’essere donna in una società che di certo non ci rende le cose facili.

iniziativa incontri di supporto mamme mantova

In questo blog puoi scorrere tantissimi articoli sui più diversi argomenti legati al mondo della femminilità e della maternità.

E se c’è qualcosa che ti piacerebbe sapere ma di cui non trovi traccia.. chiedimelo scrivendomi QUI e mi organizzerò per approfondirlo al più presto!

Cosa è successo durante i precedenti appuntamenti

Lo stravolgimento che si vive è impossibile da spiegare fino in fondo

Durante gli incontri abbiamo provato a raccontarcelo e sono successe delle cose bellissime. In un contesto informale, dove poter essere libere di esprimere qualsiasi pensiero – dal più gioioso al più buio – creare legami ed amicizie.

Abbiamo riso, abbiamo pianto, ci siamo commosse, confidate, abbiamo parlato e ascoltato, abbiamo imparato, siamo state in silenzio, abbiamo respirato. Abbiamo rispettato il nostro essere donne, mamme, future mamme, con le nostre imperfezioni, con le insicurezze, la felicità e la paura insieme.

 

(La foto in copertina è di Elisiane Bianchini)

“Mamma…e adesso?”. Scrivimi per raccontare la tua esperienza. 

Elena Caracciolo giornalista ufficio stampa consulente comunicazione gestione social e siti Mantova Elena Caracciolo – Sono giornalista pubblicista, freelance, mi occupo di comunicazione ed uffici stampa per privati, enti pubblici, aziende e associazioni di volontariato, dalla consulenza alla strategia, gestisco siti web e social e sono ideatrice di progetti rivolti a donne e mamme. 

Clicca QUI per sapere cosa posso fare per te!

 

Come scegliere i prodotti migliori in gravidanza e per i neonati

Come scegliere i prodotti migliori in gravidanza e per i neonati

Come scegliere i prodotti migliori durante la gravidanza e per il proprio bimbo?

Il mondo dei cosmetici per neonati e bambini – ed anche per le mamme – è enorme ed offre vasta quantità di prezzi e prodotti. Un oceano di offerte in cui è facile perdere l’orientamento.

Un accenno alla mia esperienza

Dato che qualcuna me lo aveva già chiesto, rispondo subito con un brevissimo accenno. Durante la mia gravidanza, sulla mia pelle, avevo usato soltanto l’olio di mandorle puro della marca “I provenzali”, mentre i brand che ho preferito per la mia bambina, fin dalla nascita, sono stati Mustela, Linea Bimbi, Pranarom e Vea.

Qui però non mi soffermerò sulla mia personalissima esperienza in ambito di prodotti cosmetici.

Come cerco sempre di fare per qualsiasi tematica – e questa non è esclusa – voglio offrirti alcune informazioni utili e da un punto di vista esperto.

La parola ai professionisti

Lo sguardo esperto è quello della farmacista Caterina Scardovelli della Farmacia Gamba di Porto Mantovano.

Caterina Scardovelli farmacia Gamba Porto Mantovano

Caterina Scardovelli

Questo perché scambiarsi consigli ed esperienze soggettive per confrontarsi è sempre di aiuto, ma non bisogna dimenticare la validità di uno sguardo competente.

Sì, è un concetto che ribadisco spesso. Nella realtà social dove molti si improvvisano, dispensando suggerimenti su larga scala senza avere i titoli per farlo, insisto nel voler ricordare che le fonti vanno verificate. (Ah, colpa della mia deformazione professionale!)

Caterina è farmacista, mamma di due bimbi ed è tra le professioniste che collaborano insieme a me al progetto che ho ideato apposta per mamme, future mamme e in generale alle donne.

Ogni approfondimento durante gli incontri

Le informazioni riportate qui sono state approfondite una ad una durante l’ultima edizione degli incontri gratuiti “Mamma… E adesso?” rivolti a chi è già madre, a chi vorrebbe diventarlo e a chi è in gravidanza. La prossima edizione partirà nel 2022! Scrivimi se vuoi partecipare, o clicca qui per sapere di cosa si tratta.

Prima di cominciare, una doverosa nota: in questo spazio leggerai sintetiche informazioni ed indicazioni di carattere generale, ma per qualsiasi specifica necessità e problematiche che si prolungano nel tempo rivolgiti sempre al tuo medico, ginecologo, ostetrica pediatra, farmacista di fiducia… (insomma ci siamo capite) che saprà indicarti ciò che è meglio per te o per il tuo bambino.

Certificazione ICEA

Quando si sceglie un prodotto è possibile capire il livello di qualità e quindi di sicurezza. La certificazione ICEAistituto certificazione etica e ambientale – offre una garanzia del prodotto a livello di tutela dell’uomo e di cura dell’ambiente. I prodotti con questo marchio vengono sottoposti a controlli molto rigidi, con formulazioni adatte a pelli particolarmente sensibili. Vale per i prodotti per bambini, ed anche per gli adulti.

certificazione Icea come scegliere prodotti per mamme e bimbi

La scritta “prodotto con ingredienti naturali” non è sufficiente a garantire un acquisto in completa sicurezza.

Un’altra differenza è anche di prezzo. I cosmetici eco biologici verificati Icea costano di più.

La pelle dei neonati

La pelle dei neonati è più sensibile e delicata di quella di qualsiasi altra fase della vita. La pelle è il primo organo che ci offre un campanello di allarme se qualcosa non funziona all’interno. Una pelle curata è sinonimo di salute.

La struttura della pelle dei bambini è diversa da quella degli adulti: è una pelle meno protetta nei confronti degli agenti esterni.

Il bagnetto

Possiamo identificare il bagnetto come primo momento di cura della pelle per un neonato. La temperatura ideale dell’acqua è tra i 32 ed i 35 gradi e la durata di qualche minuto, almeno nei primissimi mesi.

come scegliere prodotti per mamme e bimbi

Quando il bimbo è appena nato è consigliabile usare amido di riso, soprattutto se è estate. L’amido di riso è presente sul mercato in varie consistenze ed è possibile metterlo direttamente nell’acqua, per avere una azione lenitiva ed ammorbidente.

I bambini non emanano odore, però sudano.

Per i bimbi più grandi è bene cercare detergenti specifici ma sempre delicati. Più la pelle è secca e delicata e più servono detergenti delicati, ad esempio un olio detergente a base oleosa.

Tutti i prodotti vanno risciacquati e poi la pelle va asciugata bene, tamponando e non sfregando.

Dopo il bagnetto

La pelle del bambino va correttamente idratata dopo ogni bagno. Se al bimbo piace il massaggino, ben venga, altrimenti è possibile trovare un modo alternativo per rendere il momento piacevole.

Proseguendo puoi leggere quali prodotti usare.

Il talco

È un buon prodotto il “talco non talco”. Un prodotto liquido e ottimo per tutte le età. Ha la proprietà di assorbire l’umidità della pelle, come il borotalco, ed allo stesso tempo va a prevenire gli arrossamenti. Una vera coccola morbida.

Il talco è utile anche nel periodo estivo perché va a creare un film che protegge dagli insetti e dalle zanzare.

come scegliere prodotti per mamme e bimbi

come scegliere prodotti per mamme e bimbi

Il talco “Fiocchi di riso”, ad esempio, crea una barriera sulla pelle ed assorbe l’umidità ed è indicato anche per i bimbi piccoli pieni di pieghette che possono irritarsi.

Il cambio del pannolino

Durante questo momento è utile utilizzare una crema che sia lenitiva e protettiva allo stesso tempo. Il pannolino di solito si usa fino circa ai due/tre anni e quella in questione è quindi una zona del corpo da tutelare da irritazioni ed arrossamenti.

L’ossido di zinco ha proprietà decongestionante e dermoprotettiva, quindi fondamentale e molto utile come base per i prodotti che si scelgono per il cambio.

Linea Vea

Questa linea presenta formulazioni arricchite con vitamina E, che va a rimarginare tutte le screpolature della pelle. Nonostante le attenzioni degli adulti, ai bimbi possono venire delle dermatiti da pannolino e in questi casi il sederino rimane rosso a lungo.

Consiglio: evitare di mettere cortisone. Optare magari per il Canesten mescolato con la pasta per cambio pannolino a base di ossido di zinco.

Le dermatiti da pannolino possono venire per l’umidità che si crea e non per qualche disattenzione del genitore.

Gli oli

Ci sono oli in formato spry di tanti tipi con azioni emollienti, rigeneranti e rinfrescanti.

In commercio esistono oli naturali come calendula, macadamia, mandorle e oliva.

L’importante è controllare che non ci siano anche addensanti o coloranti e leggere sempre bene gli ingredienti riportati sull’etichetta per non farsi trarre in inganno dal marketing.

Ad esempio l’olio di lavanda non deve mai e poi mai essere viola!

come scegliere prodotti per mamme e bimbi

Tutti gli oli naturali e filtrati devono essere senza colore e la stessa regola vale per i prodotti per gli adulti.

La crosta lattea

Si chiama così perché un tempo si credeva fosse dovuta al latte.

Si tratta di squame o crosticine che si formano sul cuoio capelluto e non sono molto fastidiose per il bambino, è più una questione poco gradevole a livello estetico per gli adulti.

come scegliere prodotti per mamme e bimbi

Per migliorare la situazione va bene qualsiasi prodotto purché sia a base oleosa.

La crosta lattea è una condizione che si manifesta nei primi quattro/cinque mesi di vita del bimbo e poi va via da sola. Solitamente non comporta particolari problemi.

Prodotti per la mamma in gravidanza e post parto

Nelle fasi della gravidanza e del post parto la cosa fondamentale è il detergente intimo.

Ogni fase della vita di una donna comporta un Ph diverso.

Il Ph in gravidanza è molto diverso ed è necessario avere un detergente con Ph basico che vada a prevenire funghi, candida ed irritazioni cutanee della zona intima.

come scegliere prodotti per mamme e bimbi

La calendula ha un’azione calmante ed è ottima in questo caso.

È bene evitare di usare farmaci per la zona intima se è possibile, soprattutto quando si è incinta.

Per la mamma che ha appena partorito serve invece un detergente a Ph neutro, ricordando che dopo il parto si può anche avere paura di lavarsi accuratamente ed è completamente normale.

come scegliere prodotti per mamme e bimbi

Le smagliature

Le smagliature vengono alla maggior parte delle donne in gravidanza e possono essere causate dall’aumento di peso e dal conseguente rilassamento cutaneo: non c’è più la compattezza dello strato dell’epidermide

Dopo ogni doccia è possibile usare una crema specifica per smagliature a base di olio di mandorla, oppure una crema elasticizzante.

Le smagliature sono una condizione normale, per quanto possano far sentire a disagio. Finché sono rosse si possono curare, ma quando diventano bianche non si potrà più fare nulla e rimarranno sulla pelle.

Che si tratti di parto naturale o cesareo, in fase post parto bisogna evitare l’acqua calda sui punti.

Ringrazio Caterina Scardovelli per il prezioso contributo.

“Mamma…e adesso?”. Scrivimi per raccontare la tua esperienza. 

Elena Caracciolo giornalista ufficio stampa consulente comunicazione gestione social e siti Mantova Elena Caracciolo – Sono giornalista pubblicista, freelance, mi occupo di comunicazione ed uffici stampa per privati, enti pubblici, aziende e associazioni di volontariato, dalla consulenza alla strategia, gestisco siti web e social e sono ideatrice di progetti rivolti a donne e mamme.

Clicca QUI per sapere cosa posso fare per te!