C’è una parola, o meglio dire una minaccia, che ogni donna sente pronunciare appena rimane incinta. Toxoplasmosi.

Come sopravvivere quando si abita con un gatto? No, non solo come sopravvivere al micio, ma in particolare agli esseri umani che ti diranno che devi liberarti dell’animale. Il felino che ami di più al mondo.

Qui sotto trovate una selezione di risposte severe ma giuste, da usare a piacimento. E qualche indicazione pratica.

Facciamo però un passo indietro. Toxoplasmosi. Dodici lettere che non avevi considerato nella tua vita, finché non ti ritrovi a chiederti se sei immune oppure no.

Per scoprirlo c’è un semplice esame del sangue da fare, uno dei primi del lungo lunghissimo elenco che ti aspetta durante i nove mesi.

Se il risultato è positivo, ovvero se hai la fortuna di aver già fatto i conti con il batterio (di solito nessuno se ne accorge, a meno che non vengano fatte le analisi specifiche per verificarlo), allora tutto a posto. Almeno per questa singola potenziale preoccupazione.

La Toxoplasmosi, per gli amici toxo, senza voler entrare nello specifico e invadere competenze mediche è una malattia provocata dall’infezione di un parassita, trasmettibile all’uomo attraverso animali come i gatti, il cibo, i vegetali contaminati.

Bene. Se il risultato è quindi negativo, ovvero non sei immune e c’è il rischio che tu possa prenderti la toxo durante la gravidanza, ecco che dovrai ripetere gli esami ogni mese e l’ansia sarà la tua amica quotidiana.

Va beh, è chiaro che l’ansia non ti abbandonerà in ogni caso finché non avrai la totale certezza che la tua creatura stia bene e sia in salute e che tu abbia fatto di tutto per proteggerla. Insomma, fino a che non avrà almeno diciottoventanni.

Dicevo…? Sì, tra le mille angosce giornaliere ci sarà quella che riguarda la toxo.

Gli affettati e qualunque genere di carne cruda saranno banditi nella stessa misura in cui Robin Hood venne allontanato dal Regno di Nottingham.

Stessa sorte toccherà ai vegetali crudi. Off limits, a meno che non siano prima stati lavati con Amuchina. Procedura che richiede di essere a casa propria, una buona dose di tempo (in base alle istruzioni, il vegetale deve stare a bagno circa mezz’ora) e la speranza di non procurarsi un principio di avvelenamento. Arrivata alla fine dei nove mesi, io credo di essere fatta per l’80% di Amuchina.

Perché quando ti illustrano i danni che la toxo può procurare all’esserino che ti stai impegnando con tutta te stessa a portare al mondo, non sei mai abbastanza sicura di aver lavato la verdura a sufficienza. Oppure di mangiare carne abbastanza cotta. Risultato: al ristorante blocchi il cameriere con un terzo grado nemmeno fossi diventata un’allieva di Quantico in missione.

Veniamo ai gatti. La realtà, almeno in base a quanto detto dai medici che ho consultato, è che sia maggiore la probabilità di prendere la toxo da un’insalata appena raccolta dalla terra dell’orto del nonno (beato chi ha un nonno con l’orto) che dalla convivenza con un gatto. Se il gatto non esce, la possibilità si assottiglia quasi allo zero. Se il gatto se ne va in giro, è comunque una eventualità non così frequente.

Per quanto tu, ad esempio io, possa essere dieciquindici anni che stai a contatto (stretto contatto) con il felino domestico, e per quanto una volta saputo di essere incinta e non immune tu possa aver preso tutte le precauzioni possibili (pulire la lettiera con guanti, procurarti salviette per il pelo, no baci), troverai sempre qualche persona che se ne uscirà con un parere assolutamente non richiesto.

Per te è una sofferenza trattenerti dall’affogare la faccia e i dispiaceri della giornata nella morbida, calda, accogliente pelliccia dell’animale tutto fusa. Lo è anche evitare che zampetti nella zona del tuo cuscino, resistendo a quegli occhioni che sembrano chiederti “Umana scusa, perché mi stai facendo questo? Dormivamo appiccicati fino a ieri, tu ed io”.

Avere poi a che fare con chi parla senza sapere è veramente troppo per il tuo sistema nervoso già compromesso.

Le frasi (storie di vita vissuta) che potresti sentirti dire se hai un gatto e aspetti un figlio… E qualche ottimo spunto di risposta

“Forse dovresti liberarti del gatto” Forse dovrei liberami di te.

“Sei sicura che non sia meglio tenerlo sempre fuori casa ora, vista la situazione?” In realtà mi chiedo perché ho fatto entrare te, in casa.

“Adesso che sei incinta lo lavi bene prima di toccarlo, giusto?” Certo, un po’ di Amuchina sui pomodori, un po’ sul pelo del micio e via.

“Magari non è stata una cosa saggia prendere un gatto se poi sapevi di volere figli” Tralasciando che il gatto ce l’ho da quando avevo diciassette anni, magari non è una cosa saggia stare qui a parlare con te.

“Oddio ma adesso che nasce la bambina come farai per il contatto con il gatto?” Guarda, la fortuna è che mia figlia non dovrà avere contatti con te.

“Conoscevo una con un gatto ed un bimbo piccolo, e il gatto ha cercato consapevolmente più volte di soffocare il bambino” Beh è risaputo che i piccoli felini siano spietati serial killer mandati per sterminare la razza umana, è normale inizino dai neonati. Comunque stai attento, perché il mio gatto ti sta fissando.

Alcune indicazioni pratiche che ho seguito come prevenzione alla Toxoplasmosi

Non baciare il gatto

Usare dei guanti (vanno bene in lattice) per pulire la lettiera

Evitare di far dormire il gatto molto vicino al mio cuscino del letto

Lavare bene e spesso le mani

Lavare con Amuchina ogni genere di verdura, se da magiare cruda

Lavare con Amuchina la frutta da mangiare con la buccia

Non mangiare fuori casa frutta o verdura cruda

Cuocere molto bene la carne, meglio troppo cotta che forse non abbastanza

Non mangiare affettati, concessi solo quelli cotti ad esempio sulla pizza una volta ogni tanto

 

“Mamma…e adesso?”. Scrivimi per raccontare la tua esperienza. 

Show Buttons
Nascondi